Lady Stardust @ladystardust_85
@ladystardust_85
Sono nata negli anni '80, con “Colpo Grosso” e Tinto Brass.
Ricordo che sin da bambina non ho mai avuto stupore o pudicizia di fronte a sfrontatezza e nudità. Anzi mi incazzavo di brutto se papà aspettava che io andassi a letto per guardare cose "più osé". Colei che mi ha concepito mi definisce "un essere senza filtro"... tocca darle ragione. Amo follemente le donne, così ricche di sfaccettature, così controverse, ma in grado di generare innumerevoli mondi e donarli. Ovviamente - da buona masochista - sono eterosessuale, però.

Fortemente ironica ed auto-ironica, le mie illustrazioni rappresentano quasi sempre scontri e passioni; spesso in chiave auto-biografica raccontano tutti i modi in cui ci si può sentire Donna.
Oggi ti svegli che stai porchissima, domani in preda a mille insicurezze e vuoi essere sculacciata come nel film “Secretary” (ADORO!). Esistono persone che per sentire qualcosa hanno bisogno che questo "qualcosa" (qualsiasi cosa) sia forte, altrimenti non sentono affatto. "Con amore o con odio, ma sempre con violenza", direbbe Pavese.

Sogno un mondo dove nessuna donna soffra di claustrofobia mentale, dove ognuna di noi possa esprimersi senza mai essere giudicata.
L’erotismo, nella mia concezione, è un pensiero che ha il diritto (e forse anche il dovere) di viaggiare libero, perché differente dal sesso.
Il sesso è azione, l’erotismo è idea.

Rosso, nero e bianco. Raramente uso altri colori.
I più espliciti, i più sfacciati, schietti e irriverenti della gamma cromatica: passione, mistero e un pizzico di candore, che non guasta.

Negli anni mi è cresciuto forte il pelo, sullo stomaco e sul cuore... sulla lingua mai.
In altre zone, so gusti.